Rootsway 2016 – Dieci anni alla Bertazza

8-9 luglio 2016

Manifesto Rootsway 2016 art Antonio Boschi WIT Grafica&Comunicazione

Il Rootsway al Podere la Bertazza di Diolo di Soragna (PR) festeggia le 10 candeline a coronamento di un traguardo raggiunto alla collaborazione e all’amicizia che si è venuta a creare con l’Associazione Amici della Bertazza che, fin dal primo anno e sotto la pioggia torrenziale, ha di anno in anno incrementato e fatto crescere l’interesse per la “tappa più amata” del carrozzone Rootsway. Una tappa che, in questo 2016, si potrà gustare (possiamo dire sia il termine giusto) nelle sere dell’8 e 9 luglio in quel “salotto” che è il Podere La Bertazza nel cuore del Mondo Piccolo di Guareschi e a pochi passi dalla casa natale di Giuseppe Verdi. Il buon cibo della Bassa parmense e la grande musica del Rootsway sono la chiave del successo di questo festival sempre più amato dal numerosissimo pubblico che raggiunge Diolo di Soragna da ogni parte d’Italia per una celebrazione delle tipiche feste popolari in un mix perfetto tra Italia e Sud degli USA. Un modo, pensiamo noi dell’Asscociazione Rootsway, di fare cultura e di riproporre divertimento e socializzazione che sono alla base del buon vivere.

Il Blues, A-Z Blues, Travel For Fans, Blues Made In Italy e Visit USA Italia sono i partner ormai storici del Rootsway Festival oltre ai tanti gemellaggi con realtà estere quali The Blues Foundation di Memphis, Cat Head di Clarksdale, European Blues Union e la neonata Italian Blues Union.

Mentre dalle cucine arrivano piatti della cucina locale e americana sul palco si esibiranno alcuni tra gli artisti maggiormente attivi in questo periodo.
Ecco il programma dettagliato:

venerdì 8 luglio
Poor Boys
Jaime Dolce Band
Gabriel Delta Band

sabato 9 luglio
Rufus Party
Mora & Bronski
Oscar Abelli Quartet

Come sempre INGRESSO GRATUITO e ampio parcheggio illuminato nei pressi del Podere la Bertazza.
Per maggiori informazioni: info@rootsandblues.org | phone: +39 339 3849 219


Visualizza Podere La Bertazza Diolo di Soragna in una mappa di dimensioni maggiori

Rootsway – Roots’n’Blues & Food Festival 2016 – XII edizione

Locandina Rootsway 2016 Novellara

17-18-19 giugno 2016

Sarà ancora Novellara – la bella cittadina in provincia di Reggio Emilia – ad inaugurare la dodicesima edizione del Rootsway – Roots’n’Blues & Food Festival che in questo 2016 continua a riproporre la musica che ci arriva dagli USA grazie ad una serie di concerti di grande qualità, grazie alla collaborazione con A-Z Blues, in abbinamento – come da sempre – con la grande cucina, patrimonio culturale del territorio. La collaborazione con la Pro Loco di Novellara e con il Comune ci permette di poter riproporre al nostro pubblico affezionato l’evento tanto atteso di anno in anno.

Chi arriverà a Novellara potrà immergersi, anche, in un mercato a tema dove tra stand di oggettistica legata alla musica, quindi dischi in vinile e CD, strumenti musicali (alcuni fatti a mano) e accessori, potrà acquistare manufatti e magliette oppure imparare a conoscere meglio gli Stati Uniti grazie alla presenza di Visit USA Italia, associazione in partnership con Rootsway da ormai 3 anni, passeggiando nella bella piazza centrale.

Da quest’anno Rootsway è anche socia fondatrice di Italian Blues Union, associazione che vuole riunire e promuovere tutte le realtà nazionali legate al mondo del Blues

Le cucine, intanto, scalderanno i fuochi preparando i piatti che verranno serviti, come sempre, a ridosso del palco permettendo, quindi, una comoda visione dei concerti gustando ottimo cibo.

Sul palco si alterneranno:

Venerdì 17 giugno

PAUL VENTURI TRIO
Senza ombra di dubbio uno degli artisti di punta del panorama blues italiano, capace di far suo il suono che ha dato le origini a tutto con interpretazioni ricche di pathos e particolarmente coinvolgenti grazie alla presenza di veri assi come Oscar Abelli e Roberto Villa.

MAX LAZZARIN & THE LAZY PIRATES feat. STEPH “OCÈAN” GHIZZONI
Il suono delle paludi della Louisiana, di Dr. John e Professor Longhair non potevano trovare migliori epigoni nel piano, nella voce e nei fiati di Max Lazzarin e i suoi Pirati Pigri. Se, poi, aggiungete la regina Voodoo Steph Océan Ghizzoni Novellara si trasformerà per incanto in New Orleans.

Sabato 18 giugno

GNOLA BLUES BAND
Un pezzo della storia del blues italiano con una carriera da far crepare d’invidia è il biglietto da visita di Maurizio “Gnola” Glielmo e il suo sound tipicamente americano capace di miscelare il blues con la canzone d’autore rendendo il tutto semplicemente perfetto.

MANDOLIN’ BROTHERS
Se dici Americana non puoi che pensare ai Mandolin’ Brothers, che ha tra le proprie corde i suoni dell’America dei borderline, dei Little Feat, degli Stones e di Bob Dylan, del quale riproporranno per intero “Highway 61 Revisited”, album tra i più belli e amati di sempre.

Domenica 19 giugno

BB MONK & HIS K-HOLE
Il nuovissimo progetto di Andrea Montanari che rivisita il folk e il blues come musica capace di lanciare un messaggio sociale, riscoprendo con un particolare ed approfondito studio i suoni che hanno generato la musica moderna aiutato, in alcuni frangenti, dalla grande Betty Vezzani.

JOHNNY LA ROSA & KGB
Il rocker per eccellenza, quello che fa quel che vuole quando vuole. Quello che può passare dal blues più puro al punk senza che nemmeno te ne accorgi, perché quella è la sua musica e quando si accendono le luci diventa un tornado capace di travolgere tutti.

Ringraziamo Adriano Tirelli per la grafica della locandina, la rivista Il Blues e Blues Made In Italy per il costante supporto

COME ARRIVARE